• ​Disbrigo pratiche funebri

    ​Disbrigo pratiche funebri

    Richiesta rilascio certificato di morte


    Nell’ottica di offrire alla propria clientela un servizio funebre a 360°, il personale della O.F. Nuova Vecchio s.r.l. prende in carico il disbrigo pratiche funebri . Nello specifico, si occupa del recupero dei documenti necessari per procedere al trasporto della salma anche verso l’estero, per la sepoltura del caro estinto all’ interno del cimitero scelto e per la cremazione delle spoglie. Inoltre, segue le pratiche di rilascio delle autorizzazione necessarie per le operazioni di esumazione e di traslazione della salma. I congiunti vengono così sollevati dall’ incombenza di dover dedicare del tempo all’ evasione di pratiche amministrative di natura obbligatoria che richiedono la necessità di recarsi presso gli uffici pubblici del comune dove è avvenuto il decesso, di consegnare la documentazione prevista dalla legge e dai regolamenti di Polizia Mortuaria, di depositare la relativa richiesta in carta da bollo e di attendere il rilascio del relativo certificato. 


    Avvenuto il decesso, lo staff dell’agenzia si attiva immediatamente per effettuare la denuncia di morte, lasciando in un primo momento un modulo ISTA ai familiari del defunto, il quale dovrà essere compilato dal proprio medico curante,successivamente si comunica all' ASP l'avvenuto decesso al fine che quest'ultimi rilascino il verbale necroscopo.Ottenuti i suddetti documenti il nostro personale si recherà presso gli uffici dello Stato Civile per denunciare la morte. In particolare, all’ interno del modulo ISTAT vengono inseriti i dati anagrafici del defunto, il luogo del decesso, la sequenza delle condizioni morbose, delle lesioni o degli avvelenamenti che lo hanno condotto alla morte, il numero dell’atto di morte, la residenza, lo stato civile, il grado di istruzione e la professione.

  • Richiesta autorizzazione alla cremazione


    Il servizio di disbrigo pratiche funebri offerto dalla O.F. Nuova Vecchio s.r.l. comprende anche la richiesta di rilascio dell’autorizzazione alla cremazione. Questa deve essere avanzata presso l’Ufficio di Stato Civile del comune in cui è avvenuta la morte. Per procedere alla cremazione è necessaria una manifestazione in tal senso fatta in vita dal defunto a mezzo di atto legale, come può esserlo il testamento. Se manca il testamento oppure se il defunto non risulta iscritto ad una delle associazioni riconosciute presenti sul territorio nazionale, la manifestazione della volontà di essere cremato può essere fatta dal coniuge del defunto o, in sua mancanza, dai parenti prossimi ex art.74 c.c., e nel caso di minori o interdetti, dai rispettivi legali rappresentati. Per la cremazione è necessario procedere alla richiesta di autorizzazione al trasporto ed alla cremazione della salma o degli eventuali resti mortali presentando la suddetta manifestazione di volontà.


    E’ necessaria, inoltre, la presentazione dei seguenti documenti: il certificato in carta libera rilasciato dal medico necroscopo dal quale si evinca che la morte non sia dovuta a reato oppure, in caso di morte improvvisa o sospetta per la quale è stata avanzata una segnalazione all’ Autorità Giudiziaria, il nulla-osta rilasciato dalla stessa e recante la specifica indicazione che il cadavere può essere cremato, così come prescritto dai singoli regolamenti comunali. Ottenuta l’autorizzazione è lo stesso personale delle onoranze funebri a provvedere, in accordo con i parenti, a fissare la data della cremazione presso uno degli impianti autorizzati della zona, a condurre in loco la salma ed a fornire l’urna cineraria un cui verranno depositate le ceneri del caro estinto.

  • Richiesta autorizzazione traslazione salme


    La O.F. Nuova Vecchio s.r.l. è disponibile a curare le operazioni di traslazione e di esumazione delle salme con la relativa evasione delle pratiche burocratiche prescritte dalla legge. Può accadere infatti che, in seguito alla morte ed alla sepoltura del defunto, venga espressa la volontà di trasferire la salma da un loculo presso un altro luogo. 


    La traslazione necessita di autorizzazione e questa viene concessa solo nei seguenti casi: per il trasferimento della salma in un altro loculo o in una tomba di famiglia, fuori dal comune in cui è avvenuta la sepoltura e successivamente alla cremazione per essere tumulata in cinerario. La concessione della relativa autorizzazione è in capo all’ Ufficio di Polizia Mortuaria. Necessita di autorizzazione anche la rimozione della salma dal luogo in cui era stata inumata. In questo caso la procedura è definita esumazione è può essere di due tipi: ordinaria o d’ufficio e straordinaria. La prima viene eseguita per esigenze interne al cimitero mentre la seconda può essere richiesta dai congiunti del defunto al fine di trasferire la salma presso una nuova sepoltura o per cremarla.


    La richiesta di nulla-osta viene fatta agli uffici amministrativi del cimitero provvista della relativa documentazione. La pratica viene in seguito istruita al fine di emettere l’Ordine delle Esumazioni che a sua volta viene trasmesso all’ Ispettorato del cimitero di competenza. Il giorno e l’ora in cui avverrà la procedura vengono comunicati ai richiedenti in modo che questi ultimi possano presenziare alle operazioni.